CHAT, E-MAIL E SOCIAL MEDIA NON HANNO SEGRETI PER TE?

Lavorare in Transcom
Transcom è il leader globale della Customer Experience: forniamo servizi di assistenza, vendita, supporto tecnico e gestione del credito attraverso una vasta rete di contact center.

27,000 specialisti della Customer Experience lavorano in 50 contact center dislocati in 20 Paesi fornendo servizi in 33 lingue a marchi internazionali di vari mercati. Questo è il segreto del nostro successo.

Le nostre posizioni chiave

CSR – Customer Service Representative

CSR – Customer Service Representative


In qualità di CSR tu sei la voce dei nostri clienti. Ascolti, fai le domande giuste e riesci a trovare la migliore soluzione attraverso i canali a disposizione: telefono, e-mail, chat o qualsiasi altro mezzo. Il tuo approccio positivo e socievole trasmette una buona immagine e lascia un segno duraturo. Allo stesso tempo tu diventi un esperto nel campo della comunicazione nei canali social e tradizionali.

Team Leader

Team Leader


In qualità di Team Leader (TL) tu guidi un team di Customer Service Representative (CSR). Con la tua guida e il tuo entusiasmo sai come motivare il tuo team così da raggiungere gli obiettivi individuali e, soprattutto, di team.

Business Manager

Business Manager


In qualità di BM, sei il responsabile di un gruppo di Team Leader e hai la responsabilità generale di garantire che il livello di servizio sia costante. Valuti le performance del tuo team e monitori e analizzi i più rilevanti Indicatori Chiave delle Performance, facendo in modo che il team abbia le risorse e gli strumenti giusti per fare il proprio lavoro – accrescendo le esperienze di “smarter people”.

Recruitment Specialist

Recruitment Specialist


In qualità di Recruitment Specialist, ti assicuri di trovare il candidato perfetto per ogni posizione aperta. Sarai il primo contatto per i candidati. Screening e amministrazione sono parte dei tuoi compiti quotidiani. In qualità di primo punto di contatto, tu sei, chiaramente, il vero ambasciatore Transcom così che tutti i candidati abbiano la giusta impressione e siano impazienti di diventare parte del team globale!

Social Media Recruitment Expert

Social Media Recruitment Expert


In qualità di Social Media Recruitment Expert, lavori con la sede locale e con un gruppo globale di colleghi. Insieme realizzate le migliori campagne e contenuti per costruire il marchio Transcom, indirizzando l’interesse verso il nostro marchio e la possibilità di lavorare per Transcom.

Guarda le posizioni aperte
Smarter People Experiences
Transcom è un vero leader globale nella customer experience. Ogni giorno, i nostri 27,000 specialisti della customer experience gestiscono più di 1,5 milioni di interazioni con i clienti in 33 lingue in tutto il mondo.

Ogni ora, noi facciamo affidamento su gente esperta e motivata in modo da fornire customer experience in qualunque situazione ed attraverso qualsiasi canale.

Le nostre persone

Il tempo per me, il tempo per gli altri

Giuseppe Gernone

Mi presento: sono Giuseppe e nel lontano 2006 un mio amico, appena entrato in Transcom Bari, mi consigliò di inviare il mio curriculum per un colloquio conoscitivo, presso questa nuova realtà sul nostro territorio.
Per me era un'esperienza nuova, e neanche troppo affine alle mie attitudini - abituato com'ero a lavorare in modo autonomo.
Insomma: un lavoro temporaneo in attesa di altro.

Ma dopo circa un anno in Transcom, il mio punto di vista è cambiato: piano piano il call center "di passaggio" stava diventando il mio posto di lavoro. Mi ha dato la possibilità di conoscere prima colleghi, oggi cari amici, con i quali condividere momenti di spensieratezza e fasi importanti della vita.
Ho trovato un luogo di lavoro altamente professionale, che mi ha dato la possibilità di crescere, mettermi in gioco e migliorami (anche da un punto di vista personale): ho imparato ad accettare le regole e a rispettarle, tutto con naturalezza in un ambiente familiare.
Per saperne di più

Il tempo per me, il tempo per gli altri

CSR

Mi presento: sono Giuseppe e nel lontano 2006 un mio amico, appena entrato in Transcom Bari, mi consigliò di inviare il mio curriculum per un colloquio conoscitivo, presso questa nuova realtà sul nostro territorio.
Per me era un'esperienza nuova, e neanche troppo affine alle mie attitudini - abituato com'ero a lavorare in modo autonomo.
Insomma: un lavoro temporaneo in attesa di altro.

Ma dopo circa un anno in Transcom, il mio punto di vista è cambiato: piano piano il call center "di passaggio" stava diventando il mio posto di lavoro. Mi ha dato la possibilità di conoscere prima colleghi, oggi cari amici, con i quali condividere momenti di spensieratezza e fasi importanti della vita.
Ho trovato un luogo di lavoro altamente professionale, che mi ha dato la possibilità di crescere, mettermi in gioco e migliorami (anche da un punto di vista personale): ho imparato ad accettare le regole e a rispettarle, tutto con naturalezza in un ambiente familiare.

Grazie al lavoro in Transcom ho potuto realizzare i miei sogni, crearmi una famiglia e oggi ho una splendida bambina di 7 anni.

Quest'anno la “mia azienda” mi ha fatto un grande regalo: grazie al progetto Transcom Cares mi ha permesso varcare le porte del sito con l'associazione di Clown Terapia "Teniamoci per mano Onlus" di cui faccio parte, permettendoci di allestire un banchetto raccolta fondi destinato all'Associazione con la vendita di panettoni, riuscendo in una sola mattinata a raccogliere 330,00 euro da destinare interamente ai progetti che stiamo mettendo in piedi per assistere i bambini diversamenete abili o affetti da gravi patologie.
 
Ad oggi, dopo 13 anni in Transcom, sono certo della scelta che ho fatto.


Mi piace il mio lavoro, che mi permette anche di avere del tempo libero da dedicare agli altri, soprattutto ai bambini aiutandoli ad affrontare con spirito positivo e con il sorriso le cure mediche.
 
Giuseppe Gernone alias Clown Flash

Daniela Lamperti

Vi capita ancora di chiedervi: “Cosa farò da grande?”

Mi chiamo Daniela Lamperti e sono il Contact Center Manager della sede Cernusco sul Naviglio, dove ho iniziato a lavorare nel 1999. Avevo appena conseguito la laurea in Scienze Naturali quando ho accettato un lavoro part-time come operatore per un importante cliente Telco.
Per saperne di più

Daniela Lamperti

Contact Center Manager

Pensavo sarebbe stato un impiego temporaneo, nell’attesa di trovare qualcosa di più affine ai miei studi, ma nel giro di poco tempo ho iniziato ad appassionarmi a questo mondo: ero spinta a fare sempre più, a cercare soluzioni per migliorare il nostro lavoro, per aiutare i colleghi e le persone che ci contattavano.

Da quel momento è iniziato un percorso che mi ha permesso di incontrare persone da ogni parte d’Italia e d’Europa, e di viaggiare: dopo meno di un anno ero già team leader, e nel 2004 ho avuto la possibilità di andare in Nord Africa per dare il mio contributo allo start up della filiale di Tunisi. Rientrata in Italia ho ricoperto diversi ruoli, e nel 2012 grazie al Talent Program ho trascorso un anno e mezzo in Croazia per avviare due nuove Businee Unit nella nostra sede di Pola, fino ad arrivare ad essere il Manager di un floor composto da oltre 200 persone.

Dopo 18 anni in Transcom posso dire di sentirmi davvero come una neo-maggiorenne: forse ho smesso di chiedermi “Cosa farò da grande?”, ma continuo a vivere ogni giorno con la curiosità di scoprire cosa posso imparare dalle persone che incontro, la voglia di aiutare gli altri e la consapevolezza che impegnandoci insieme possiamo raggiungere grandi traguardi.

Manlio Tomassoni

"Quanta strada devo fare?” cantava Baglioni anni fa...

Mi chiamo Manlio Tomassoni e sono appena stato premiato come miglior operatore 2017 del contact center dell’Aquila. Abito a circa 90 km da qui, a Roseto degli Abruzzi, sul mare: per questo sono famoso tra i miei colleghi per essere grande viaggiatore...
Per saperne di più

Manlio Tomassoni

Operatore Presso

In realtà non sono l’unico che arriva da lontano, visto che nei nostri uffici sono rappresentati almeno tre continenti: ci sono colleghi che arrivano dalle Filippine, dall’America, dall’Est Europa, e anche da tante regioni d’Italia. Uno degli aspetti che mi piace di più del mio lavoro è proprio confrontarmi con tante persone diverse: i colleghi certo, ma anche chi ci telefona per avere un supporto pratico, a volte su questioni molto delicate.

Per non smentirmi mai continuo a muovermi anche nel week end: insieme a mio figlio Francesco facciamo lunghissime passeggiate sui bei percorsi sul mare nei pressi di Roseto. Abbiamo iniziato anni fa, quando per lui era importante “scaricare le tensioni” con l’esercizio fisico.
Al momento le cose vanno molto meglio, e anzi ho il sospetto che ora sia lui ad accompagnare me visto che gli altri miei due figli, Carmen e Danilo, hanno altre passioni, mentre mia moglie è sempre indaffarata visto che si prende cura di tutti noi.

Nonostante il mio continuo movimento sono contento di essere in Transcom dal 2011: dopo alcune precedenti esperienze lavorative terminate a causa della crisi, ora mi sento fortunato ad aver trovato un posto dove posso fornire un aiuto concreto a chi magari è in una situazione di disagio e dove posso collaborare con i colleghi della mia sede, con cui siamo riusciti a creare uno spirito di squadra.

Insomma, ho scoperto che “strada facendo vedrai che non sei più da solo”.

Pasquale Addabbo

Sono il leader del team che si occupa del back office di una grande commessa. Al momento gestisco un team eterogeneo e dalla composizione complessa che si occupa di reportistica e analisi, ma se da piccolo mi avessero chiesto cosa avrei fatto da grande avrei immaginato più facilmente di dirigere una brigata in una cucina, che gestire un team in un contact center...
Per saperne di più

Pasquale Addabbo

Team Leader

Lo dico perché fin da quando ero bambino  ho lavorato nella ristorazione e cucinare è ancora una delle mie grandi passioni: mi dà l’opportunità di preparare qualcosa di buono per gli altri e di sperimentare nuovi piatti con quello che ho a disposizione.
Sebbene in cucina appaia tutto più facile poiché basta avere buoni ingredienti e tanta voglia di mettersi alla prova, c’è qualche affinità tra i miei due ruoli: come per gli ingredienti anche le persone possono andare d’accordo, possono dare il meglio o il peggio, essere diverse a seconda della stagione o di come si presentano. 

La maggior complessità dell'attività lavorativa è stata sostenuta dai training e dalla formazione che ho ricevuto e grazie alla quale ho imparato davvero nuove ricette
Ho iniziato 10 anni fa perché un amico che lavorava in Transcom mi ha invitato a mandare un CV.
Così ho fatto e sono stato preso subito, ho iniziato come operatore a progetto, dopo qualche tempo ho risposto a una job opportunity interna sono diventato Team Leader. 

Quello che mi piace di più del mio lavoro è stare ogni giorno a contatto con il mio team: parlare con tutti, entusiasmarsi nel trovare soluzioni a problemi inimmaginabili, condividere tanti momenti anche fuori dai nostri turni. Ad esempio quando iniziamo alle 7.00 spesso c’è qualcuno che passa a prendere i cornetti per fare colazione insieme, ma ammetto che continuo a preferire quando i dolci li preparo io...

Marzia De Matteis

Forse non lo sapete, ma ognuno di noi ha un super potere. Qualuno, come Superman o Wonderwoman, ci nasce. Qualcun’altro, come Spiderman o Hulk, lo acquisisce da grande.

Io posso dire invece di essermelo guadagnato lavorando in Transcom, nella sede di Lecce. A 19 anni, finita la scuola superiore, ho iniziato a lavorare qui per guadagnare qualcosa e rendermi indipendente dalla mia famiglia. Immediatamente capii di aver sottovalutato un grande ostacolo: la mia timidezza. Ero molto chiusa: praticamente ci ho messo qualche mese prima di parlare con il mio vicino di scrivania... insomma, non proprio il massimo per chi deve lavorare “in outbound”, ovvero telefonare alle persone per proporre l’acquisto di servizi o prodotti.
Per saperne di più

Marzia De Matteis

CSR

Ero talmente schiva che (lo ammetto) dopo qualche settimana ho pensato di non essere fatta per questo mestiere, di dover provare qualcosa di diverso. E poi, senza nessun cambiamento apparente, ho iniziato a sentirmi più a mio agio in questi ambienti, con i miei colleghi, con i miei capi.
Persino gli estranei con cui parlavo il telefono hanno cominciato a essere “persone” – ognuno con la propria storia e il proprio carattere. 

Nessun ragno radioattivo avrebbe potuto regalarmi la sicurezza, la competenza e l’empatia che ho acquisito in questi 8 anni di lavoro qui; ho costruito nuovi legami, creando quasi una seconda famiglia in azienda. Oggi quando varco la porta di Transcom sto bene: mi sento utile, perché sono brava ad aiutare i Clienti che chiamano chiedendo informazioni, ma anche perché mi sento davvero parte di qualcosa che va oltre il mio lavoro.

Domenico Palmieri

Nella vita ho imparato quanto è importante saper ascoltare.

A volte sono gli altri ad ascoltare te. Una delle mie grandi passioni è suonare il basso, uno strumento che qualcuno considera superfluo, ma che è in realtà essenziale per dare il tempo a tutte la canzoni che conoscete. Quando ho in mano il mio Fender Jazz Bass so che devo essere il più preciso possibile: gli altri membri della band mi stanno ascoltando perché sono le mie note a dar ritmo alle loro.
Per saperne di più

Domenico Palmieri

CSR

Sul lavoro invece sono io che ascolto gli altri, e riesco a capire dalla voce con chi parlo – anche quando non so nulla su chi è all’altro capo del telefono.

Lavoro in Transcom da 12 anni: ho iniziato per caso, come molti, ma dopo poco tempo mi sono appassionato a questo mestiere. Non ho però capito fino in fondo che potevo davvero fare la differenza per qualcuno fino a qualche mese fa, quando ho ricevuto per caso una telefonata che ha cambiato la mia prospettiva.

Qualche mese fa ho risposto a una chiamata di un uomo che stava attraversando una profondissima crisi.
Ho iniziato a parlargli e ho capito subito che era in stato di shock: era in auto e non sapeva dove stava andando o cosa stava facendo. Gli ho parlato con calma, spiegando che la sua richiesta sarebbe stata trattata molto velocemente e sicuramentesaremmo riusciti a trovare insieme una soluzione.

È bastato qualche minuto... ha capito che si poteva fidare di me e che quello che mi diceva non sarebbe caduto nel nulla.

Non so bene come si sia conclusa questa vicenda, ma quella telefonata mi ha raccontato tanto, non solo sull'altra persona, ma anche su di me.

Così ho scoperto che ci possiamo sentire diversi solo se ci ascoltiamo l’un l’altro.

Transcom in Italia

L'Aquila

Via Antica Arischia, 18/G

67100 L'Aquila

Bari

Strada Prov.le Bari-Modugno 79

70123 Bari

Cernusco sul Naviglio (MI)

via Brescia 28

20063 Cernusco sul Naviglio (MI)

Lecce

Viale Francia 17

73100 Lecce

Milano

via dei Valtorta 48

20127 Milano

Roma

Via Tiburtina 1072

156 Roma

Roma

Via Antolisei 6

173 Roma

Contattaci